Tuo figlio è vittima di bullismo? Scopri quali sono i segnali per scoprirlo

Ci sono alcuni segnali che puoi osservare che indicano un problema. Se tuo figlio o figlia è vittima dei bulli a scuola, ci sono dei comportamenti che lo segnalano. Va però detto che, purtroppo, alcuni di questi comportamenti sono tipici dell’età adolescenziale e quindi diventa difficile capire se è solo l’età o se è per via dei bulli. Per questo motivo, dopo avere osservato i segnali, rivolgiti a insegnanti, allenatori, detective etc. che possono far luce su che cosa sta succedendo.

Materiale scolastico e vestiti “persi”

Chi è vittima di bullismo spesso torna a casa dicendo di avere perso del materiale scolastico come astuccio, diario, quaderni e anche libri di testo. Lo stesso vale per i vestiti che spesso sono stati persi. In realtà è molto probabile che no sia così.

I bulli possono aver preso un libro o la giacca e averla tirata in giro per tutto il cortile fino quando non si è rovinata. In altri casi, sui libri in particolare, possono esser state fatte delle scritte contenenti insulti e fosse. Per evitare di far scoprire ai genitori l’accaduto, il ragazzo vittima spesso li getta via o, più frequente, li nasconde.

Modifiche delle abitudini alimentari

Spesso le prese in giro a scuola sono dovute al peso differente. Chi è molto magro o in sovrappeso può venire preso di mira. i giudizi degli altri in merito al peso sono molto forti per i ragazzi in età adolescenziale e non c’è nulla da fare: se al prenderanno sempre!

Chi ha problemi di questo tipo spesso inizia a modificare le abitudini alimentari. Vuol dire che inizia a mangiare di più o meno a tavola oppure a pranzo, gettando via il pasto preparato a casa.

Scuse per non andare a scuola

Un ultimo indizio che può essere indicativo di una situazione problematica è la poca voglia di andare a scuola. Essendo spesso il teatro degli abusi e delle violenze, il ragazzo non vuole andare a scuola e lamenta di avere dolori come mal di pancia o di testa.

Per prendere subito un appuntamento, clicca qui www.grupposarosinvestigazioni.it